MAGAZINE / Molto più che un’otturazione: che cos’è l’intarsio dentale?

Molto più che un’otturazione: che cos’è l’intarsio dentale?

«Anche l’occhio vuole la sua parte», è indubbiamente uno dei proverbi più diffusi. In fondo si sa, i modi di dire racchiudono sempre una parte di verità. Parlando di estetica è inutile nasconderci quanto un bel sorriso giochi un ruolo fondamentale, non solo per apparire, ma per sentirci a nostro agio con noi stessi.

Nel campo dell’estetica dentale, aldilà delle più “celebri” otturazioni e corone dentali, esiste una tecnica alternativa per correggere proprio gli inestetismi legati al sorriso: si tratta dell’intarsio dentale. Qual è la differenza con le altre soluzioni appena citate?

Intarsio dentale: come si fa?

L’intarsio dentale in ambito tecnico viene definito come un restauro indiretto. Cosa significa? La protesi non viene inserita direttamente sul dente, come nel caso di un’otturazione, ma viene realizzata prima in uno studio odontotecnico e successivamente applicata al paziente.

Si ricorre all’intarsio in seguito ad un trauma che ha danneggiato la struttura del dente o ad una caria troppo profonda per essere curata con una semplice otturazione in composito. In alternativa può essere utilizzato per sostituire le vecchie otturazioni in amalgama che per il loro classico color grigio non sono il massimo a livello estetico. L’obiettivo dell’applicazione è comunque andare a sostituire quella parte del tessuto dentale andato perduto.

Oltre a ripristinare l’aspetto estetico naturale del dente, l’intarsio dentale permette di riacquisire anche una masticazione fluida e soprattutto libera da quei fastidiosi dolori dovuti ai danni del dente. L’applicazione riguarda infatti soprattutto i denti posteriori – molari e premolari -, i quali sono sottoposti ad un carico masticatorio superiore rispetto ai canini e agli incisivi.

Quanto dura la seduta del dentista?

L’applicazione di un intarsio dentale non è per nulla invasiva e richiede un tempo piuttosto breve quantificabile in 1-2 ore. In origine erano necessarie due sedute per completare l’applicazione, ma oggi grazie alle nuove tecnologia è possibile concentrare il tutto in un’unica seduta. Procediamo però un passo alla volta.

Nella prima seduta il dentista si occupa della preparazione del dente: rimuove la parte danneggiata e poi lo modella per donargli la forma idonea ad accogliere l’intarsio dentale. Dopodiché viene presa l’impronta che verrà inviata allo studio odontotecnico per la realizzazione della protesi. Nel frattempo viene inserita un’otturazione provvisoria nella cavità dentale.

Nella seconda seduta invece si passa all’inserimento vero e proprio dell’intarsio dentale realizzato su misura per il dente danneggiato. Dopo l’applicazione la protesi viene fissata attraverso un’apposita tecnica di cementificazione utile a scongiurare spiacevoli infiltrazioni batteriche.

Come già accennato qualche riga più su è possibile ridurre il tutto ad un’unica seduta. Questo è possibile grazie al Metodo Cerec, una tecnica totalmente computerizzata che permette di realizzare un intarsio dentale in ceramica estremamente preciso.

Attraverso la tecnologia Cerec non si ricorre più ai materiali di impronta, ma le “misure” vengono prese grazie ad una piccola telecamera endorale ad alta definizione che analizza la cavità orale del paziente. Dopo l’analisi la telecamera invia via wireless l’impronta rilevata direttamente ad un fresatore Cad Cam, in grado di modellare in autonomia un blocco di ceramica per ottenere l’intarsio richiesto.

Anche al Dental Institute Bolzano ci avvaliamo delle migliori tecnologie, come lo stesso Metodo Cerec, per garantire ai nostri pazienti il massimo risultato nel minor tempo possibile.

I vantaggi dell’intarsio dentale

Perché scegliere un intarsio dentale? I motivi sono svariati. Da un lato possiamo osservare il ripristino della funzione estetica che restituisce al paziente un sorriso armonioso. Dall’altro invece, la protesi consente di recuperare la funzione masticatoria dei denti rendendoli anche più resistenti e duraturi. L'intervento per avere un intarsio dentale non provoca dolore.

A questo punto sorge spontaneo chiedersi: quanto dura un intarsio dentale? La risposta è strettamente legata a quanto il paziente presta attenzione alla cura dei propri denti. Se viene riposta particolare attenzione all’igiene orale e vengono effettuate visite specialistiche periodicamente (il consiglio è quello di rivolgersi al dentista per un controllo almeno una volta ogni sei mesi), l’intarsio dentale può durare fino a 20 anni.

In parte la sua longevità e dovuta anche ai materiali utilizzati. Uno dei più comuni è la già citata ceramica che garantisce per il suo colore e per la sua traslucenza una resa estetica molto elevata. Frequentemente vengono anche applicati intarsi dentali in composito. Quest’ultimo è una miscela di materiali sintetici che spicca per le sue qualità: si adatta perfettamente al dente fratturato ed ha un’elevata resistenza all’usura e alla fatica. Inoltre, anche in questo caso l’effetto finale si avvicina moltissimo a quello del dente naturale.

Quanto costa un intarsio dentale?

Veniamo ora a quella che è per molti la nota più dolente, ovvero l’aspetto economico. L’intarsio dentale si colloca a metà tra l’otturazione e la corona dentale. Il prezzo oscilla tra i 200 e i 250 euro, una spesa tutto sommato non eccessiva se si considera la lunga durata della protesi.

Perché scegliere un intarsio dentale piuttosto che un’otturazione o una corona dentale? Dipende dalla gravità del danno presente. L’otturazione è la soluzione più semplice e rapida in caso di piccoli danni o carie che non compromettono la stabilità del dente.

Al contrario la corona dentale, detta anche capsula dentale, è una protesi fissa che viene installata a copertura di un dente rotto o gravemente danneggiato. Si ricorre a quest’ultima quando la corona naturale del dente è quasi completamente compromessa. L’intarsio dentale invece viene utilizzato quando la situazione è ancora “salvabile”. È indubbiamente una scelta meno invasiva e consente di salvare maggiore tessuto biologico naturale rispetto alla corona.

Il consiglio resta comunque quello di rivolgersi sempre ad uno specialista. In Dental Institute Bolzano il dottor Schweikert e la sua squadra di professionisti sono pronti a mettere al tuo servizio tutte le loro capacità. Rivolgiti al nostro studio anche solo per un semplice consulto: siamo pronti a seguire il tuo caso dall’A alla Z offrendoti la miglior soluzione possibile.

Argomenti trattati in questo articolo:

Ti potrebbe interessare anche...

Le infezioni degli impianti dentali: alla scoperta della perimplantite

La perimplantite è un’infezione batterica che colpisce i tessuti e l’osso intorno ad un impianto dentale: alla scoperta di cause, sintomi e rimedi
leggi l'articolo

Impianti dentali senza osso? Tutte le soluzioni tra innesto osseo dentale e nuove tecnologie

È possibile realizzare impianti dentali senza osso? Alla scoperta di tutte le soluzioni possibili tra innesto osseo dentale e impianti iuxtaossei
leggi l'articolo

Macchie bianche sui denti: sintomo della fluorosi dentale?

La comparsa di piccole macchie bianche sui denti potrebbe essere un sintomo della fluorosi dentale: tutto quello che c’è da sapere sulla patologia
leggi l'articolo
post_type=terapie&orderby=post__in&post__in%5B0%5D=135&post__in%5B1%5D=133&post__in%5B2%5D=166&post__in%5B3%5D=137

HAI BISOGNO DI UNA VISITA?

COMPILA IL FORM

crossmenuchevron-left