MAGAZINE / Denti pari al vero grazie alle soluzioni protesiche

Denti pari al vero grazie alle soluzioni protesiche

Per molti la perdita dei denti è un vero e proprio trauma sotto tanti aspetti. Da un lato altera, con tutte le difficoltà che ne conseguono, l’azione quotidiana del masticare e anche del parlare, mentre dall’altro può comportare un profondo disagio psicologico. Nei soggetti edentuli cambia la fisionomia del volto che tende ad incavarsi: spesso e volentieri non ci si sente più a proprio agio davanti allo specchio.

I progressi in campo dentistico però hanno permesso di realizzare soluzioni protesiche in grado di restituire la vitalità di un sorriso naturale. Gli impianti dentali, ovvero le viti in titanio osteointegrate nell’osso dentale che sostituiscono le radici dei denti mancanti, rappresentano l’alternativa più efficace, ma non possono essere applicati su tutti i pazienti.

Allora come fare? Esistono diversi tipi di protesi dentali mobili e fisse in grado di far tornare a sorridere anche i casi più difficili da recuperare.

Protesi mobili e protesi fisse

Quando si parla di soluzioni protesiche è necessario distinguere tra protesi mobili e fisse. Le prime vengono utilizzate per sostituire una parte o l’intera arcata dentaria. Il paziente può rimuoverla per effettuare la quotidiana pulizia orale e per andare a letto.

Le protesi fisse invece servono a sostituire i denti naturali con elementi definitivi stabili e non rimovibili. Ne esistono diverse tipologie e le più comuni sono i ponti, le corone e le faccette.

I materiali più utilizzati per le protesi dentali sono anch’essi cambiati con il passare del tempo. Se fino a qualche decennio fa il must era rappresentato dalla ceramica, ora hanno conquistato la scena lo zirconio e la ceramica integrale che sono in grado di aumentare la traslucenza delle protesi, tanto che risulta difficile distinguerle dai denti naturali.

Ponte

Il ponte è una protesi dentale che viene inserita tra due denti contigui: questi definiti “elementi pilastro” vengono limati e poi tra essi viene inserita la protesi stabilizzata attraverso appositi cementi adesivi. La struttura può essere composta da una base di lega metallica ricoperta di materiale ceramico oppure essere totalmente metal free.

Corona

La corona dentale detta anche capsula dentale, è una protesi fissa che viene installata a copertura di un dente rotto o gravemente danneggiato. Con la sua applicazione il dente assume una maggiore stabilità e resistenza da possibili traumi e fratture future. La parte interna è realizzata in zirconio, materiale scelto proprio per la sua resistenza, mentre quella esterna in ceramica. Sono presenti anche le versioni in metallo-ceramica, ma il modello in zirconio ha un grado di resistenza del 50% superiore.

Faccette

Tra le protesi dentali fisse le faccette sono quelle che hanno una funzione sostanzialmente limitata all’estetica. Nascono infatti con la funzione di correggere gli inestetismi dei denti causati da fratture, difetti di posizione, come ad esempio un eccessivo spazio tra i denti, oppure per porre rimedio alle alterazioni di colore. Sono costituite da un sottile strato di ceramica (zirconio e ceramica integrale nelle versioni di ultima generazione) che viene incollato sulla superficie visibile del dente. Gli intarsi che le compongono sono anche utilizzati ormai per sostituire le obsolete otturazioni in amalgama.

Protesi mobili

Tra le soluzioni protesiche quelle mobili possono essere invece ancora divise in due sottocategorie: parziali e totali.

Quando parliamo di protesi dentale parziale facciamo riferimento allo scheletrato. Formato da una struttura metallica (lo scheletro appunto), da una riproduzione della sella gengivale e da elementi dentali in ceramica, viene ancorato ai denti residui per mezzo di agganci metallici. Garantisce una buona stabilità e non comporta difficoltà nella masticazione, anche se purtroppo non è il massimo dal punto di vista estetico. Se lo scheletro è nella parte anteriore dell’arcata i ganci potrebbero essere visibili.

La protesi mobile totale è quella che viene comunemente chiamata dentiera. Tuttavia, le versioni attuali non hanno nulla da condividere con i vecchi modelli poco stabili e soprattutto innaturali. I nuovi materiali innovativi utilizzati e l’attenzione alle prestazioni funzionali ed estetiche hanno permesso di ottenere risultati migliori anni luce rispetto al passato.

La dentiera poggia unicamente sulle mucose e sull’osso del paziente. Nonostante i progressi appena citati, con il tempo la stabilità della protesi è compromessa dal graduale riassorbimento osseo, comune nelle persone anziane, che va anche a penalizzare l’attività di masticazione.

Oltre la classica dentiera rientra nelle protesi totali rimovibili anche l’overdenture, comunemente detto anche protesi a supporto radicolare. Si caratterizza per una particolare variante tecnica: la condizione essenziale per la sua applicazione è la presenza di radici dentarie in buono stato. Una volta devitalizzati i denti residui, si applicano sulle radici degli agganci “a bottone” ai quali viene collegata la protesi.

I prezzi delle soluzioni protesiche

I prezzi delle protesi dentali variano in base alla problematica che il paziente vuole risolvere. I fattori da considerare sono poi diversi: la tipologia di protesi, la tecnica, i materiali, ma anche la situazione delle ossa all’interno della bocca del paziente e tanti altri elementi ancora.

Proviamo comunque a stabilire un prezzo generico per i tipi di protesi dentali visti fin qui. Partiamo ad esempio dalla corona dentale: indicativamente il suo prezzo oscilla tra i 400 e 700 euro. Un ponte dentale composto da un elemento invece può arrivare fino a 900 euro. Tra le protesi fisse anche le faccette oscillano su valori simili: il loro costo è compreso tra i 600 e i 1000 euro cadauna.

Passando alle protesi mobili la soluzione più facile è incarnato dallo scheletrato con una spesa tra i 400 e i 500 euro per un’intera arcata. Per l’intramontabile dentiera il prezzo si aggira intorno ai 1.200 euro, mentre per un overdenture si sale di livello: tra i 2.500 e i 5.900 euro.

Se stai cercando la protesi che faccia al caso tuo rivolgiti ad un professionista. In Dental Institute Bolzano il dottor Schweikert e la sua equipe di esperti ti seguiranno passo dopo passo consigliandoti la soluzione tagliata sulle tue esigenze. Grazie al nostro aiuto non dovrai mai più vergognarti del tuo sorriso.

Argomenti trattati in questo articolo:

Ti potrebbe interessare anche...

Le infezioni degli impianti dentali: alla scoperta della perimplantite

La perimplantite è un’infezione batterica che colpisce i tessuti e l’osso intorno ad un impianto dentale: alla scoperta di cause, sintomi e rimedi
leggi l'articolo

Impianti dentali senza osso? Tutte le soluzioni tra innesto osseo dentale e nuove tecnologie

È possibile realizzare impianti dentali senza osso? Alla scoperta di tutte le soluzioni possibili tra innesto osseo dentale e impianti iuxtaossei
leggi l'articolo

Macchie bianche sui denti: sintomo della fluorosi dentale?

La comparsa di piccole macchie bianche sui denti potrebbe essere un sintomo della fluorosi dentale: tutto quello che c’è da sapere sulla patologia
leggi l'articolo
post_type=terapie&orderby=post__in&post__in%5B0%5D=135&post__in%5B1%5D=133&post__in%5B2%5D=166&post__in%5B3%5D=137

HAI BISOGNO DI UNA VISITA?

COMPILA IL FORM

crossmenuchevron-left