MAGAZINE / Macchie bianche sui denti: sintomo della fluorosi dentale?

Macchie bianche sui denti: sintomo della fluorosi dentale?

Il troppo stroppia. Così anche una sostanza fondamentale per la salute dei denti potrebbe improvvisamente rivelarsi dannosa: stiamo parlando del fluoro, il quale è responsabile della mineralizzazione dello smalto dentale.

Ciò nonostante, un’assunzione elevata di fluoruro (i sali del fluoro) è alla base di una patologia definita fluorosi dentale. Di che cosa si tratta?

Che cos’è la fluorosi dentale?

Facciamo un passo indietro. Lo smalto dentale viene considerato da molti semplicemente come il colore dei denti. Quando va perdendo di efficacia le arcate assumano quel poco gradevole colore gialliccio. In realtà non è proprio così. 

Lo smalto è quella parte traslucida che ricopre la corona del dente e risulta essere anche l’elemento del nostro corpo più rigido e mineralizzato, in quanto è composto quasi esclusivamente da sali di calcio. La sua funzione è fondamentale: grazie al suo spessore (può arrivare fino a 2,5 millimetri) protegge i denti dagli attacchi batterici.

A causa di una cattiva alimentazione e di cattive abitudini – una su tutte il fumo – può andare erodendosi lasciando campo libero ai batteri che possono intaccare la parte sottostante allo smalto, ovvero la dentina. È quest’ultima la responsabile del colore dei denti.

Cosa succede invece quando si assume troppo fluoro? Si scatena un processo di ipomineralizzazione che porta alla formazione di alcune macchie bianche nei denti. In base alla loro dimensione è possibile distinguere tre tipi diversi di fluorosi dentale:

fluorosi lieve: lo smalto presenta alcune macchie dentali che arrivano a ricoprire al massimo il 50% dell’arcata dentale;

fluorosi moderata: tutta la superficie dello smalto dentale è interessata dalla patologia e le macchie dentali si caratterizzano per una pigmentazione tendente al marrone;

fluorosi grave: il poco gradevole e antiestetico colore marrone colpisce la superficie dell’intera arcata e la stessa struttura dei denti può subire dei cambiamenti. A tutto questo si può aggiungere un aumento della sensibilità dentale.

Nello stadio più grave della fluorosi dentale l’alterazione della struttura dentale potrebbe portare alla creazione di solchi ed aumentare esponenzialmente il rischio di fratture dei denti. Un altro aspetto poco piacevole, che potrebbe verificarsi nei casi più gravi, è la comparsa della leuconichia. In questo caso non parliamo di denti, ma di unghie. Infatti, l’eccessiva assunzione di fluoruro può portare alla completa decolorazione delle lamine ungueali.

Le cause della fluorosi dentale

Non è possibile prevedere la comparsa della fluorosi dentale. Tuttavia, assumendo determinati comportamenti si possono ridurre notevolmente i rischi

Particolare attenzione va prestata ai più piccoli: la fluorosi dentale nei bambini non è poi così rara. In tenera età si percepisce difficilmente l’importanza dell’igiene orale ed uno dei “giochi” che affascina maggiormente i bambini davanti al lavandino è quello di mangiare il dentifricio. Peccato che questo contenga alte concentrazioni di fluoruro.

Il consiglio è quello di seguire il più possibile i propri figli nelle pratiche di igiene orale e di non lasciarli mai soli con il tubetto di dentifricio. Discorso simile va fatto anche per il collutorio: in commercio se ne trovano diversi ricchi di fluoruro. Attenzione alla scelta!

Un’altra causa della fluorosi dentale va ricercata nell’acqua potabile. In alcuni acquedotti la concentrazione di fluoruro supera i 10ppm, una quantità che con il tempo potrebbe scatenare un processo di ipomineralizzazione. Prima di bere l’acqua del rubinetto sarebbe opportuno commissionare un’analisi chimica per scongiurare cattive sorprese.

Quali sono i rimedi contro la fluorosi?

La comparsa delle prime macchie bianche sui denti preannuncia la fluorosi. Non bisogna assolutamente attendere che la patologia degeneri verso stadi più gravi, ma è essenziale agire il prima possibile rivolgendosi ad una specialista. Da noi in Dental Institute Bolzano il dottor Schweikert ed il suo team di dentisti è pronto ad offrirti le migliori soluzioni estetiche per tornare ad avere un sorriso sano e naturale.

Quindi, non esistono rimedi naturali contro la fluorosi? In parte sì, ma non hanno la stessa efficacia di un intervento professionale e possono portare solo a qualche lieve miglioramento. Uno dei rimedi naturali più utilizzati è caratterizzato dalla preparazione di una pasta dentifricia composta da calcio e bicarbonato di sodio da cospargere sui denti.

Rimanendo in tema di soluzioni fai-da-te si consiglia anche di effettuare dei risciacqui con il tè verde e di mangiare alimenti ricchi di minerali come ad esempio i formaggi: potrebbe essere un ottimo rimedio.

Come accennavamo poche righe più su, per raggiungere però risultati significativi è necessario rivolgersi ad uno specialista. Quali sono i trattamenti principali per ovviare alla fluorosi dentale?

Sbiancamento dentale: viene applicato quando la fluorosi si presenta ancora in uno stato lieve. I prodotti applicati dal dentista sulla superficie dentale sfruttano l’ossigeno presente al loro interno per disgregare le molecole responsabili dell’alterazione cromatica. Lo sbiancamento è efficace solo quando le macchie dentali non sono ancora così diffuse e non hanno colpito in profondità i denti;

Bonding dentale: è una tecnica utilizzata in situazioni medio-gravi. Grazie all’applicazione di una resina composita, facilmente amalgamabile e modellabile, si mira a modificare e migliorare la silhouette dei denti compromessi dalla fluorosi. Il composto garantisce un’alta resa estetica rendendo la differenza con il dente naturale praticamente impercettibile;

Faccette dentali: quando la fluorosi è nel suo stadio più avanzato non resta altro che “coprire”. Le faccette dentali sono lamine sottili che vengono applicate sulla parte frontale dei denti migliorandone l'aspetto. Anche in questo caso la resa estetica è di alto livello. La somiglianza con i denti naturali è assicurata dall’utilizzo di materiali “candidi” e traslucidi come la ceramica, compositi oppure disilicato di litio;

Corone dentali: la soluzione più estrema necessaria quando non basta “mascherare” la parte anteriore, ma è necessario ricoprire l’intero dente danneggiato. Quest’ultimo viene limato per preparare ad accogliere la corona, la quale è costituita da uno strato in lega di metallo e da uno strato esterno solitamente in ceramica. La sua applicazione garantisce ancora una volta un’elevata qualità estetica e rafforza il dente alterato dalla fluorosi.

Per comprendere quale intervento sia più adeguato alla tua problematica rivolgiti ad uno specialista esperto, come Dental Institute Bolzano: abbiamo alle spalle quasi 30 anni di esperienza e siamo pronti a mettere al tuo servizio tutta la nostra professionalità.

Argomenti trattati in questo articolo:

Ti potrebbe interessare anche...

Le infezioni degli impianti dentali: alla scoperta della perimplantite

La perimplantite è un’infezione batterica che colpisce i tessuti e l’osso intorno ad un impianto dentale: alla scoperta di cause, sintomi e rimedi
leggi l'articolo

Impianti dentali senza osso? Tutte le soluzioni tra innesto osseo dentale e nuove tecnologie

È possibile realizzare impianti dentali senza osso? Alla scoperta di tutte le soluzioni possibili tra innesto osseo dentale e impianti iuxtaossei
leggi l'articolo

Alla scoperta dei cibi per rinforzare lo smalto dei denti

Lo smalto dei denti è un elemento essenziale per la salute della bocca. In natura esistono numerosi alimenti che aiutano a mantenerlo sano ed efficace
leggi l'articolo
post_type=terapie&orderby=post__in&post__in%5B0%5D=135&post__in%5B1%5D=133&post__in%5B2%5D=166&post__in%5B3%5D=137

HAI BISOGNO DI UNA VISITA?

COMPILA IL FORM

crossmenuchevron-left